Dettaglio corso

Corso di Emergenze Acquatiche

Sono aumentati ogni anno in Italia i casi di incidenti in acqua che si concludono con decessi e ricoveri. Secondo uno studio del Reparto Ambiente e Traumi dell’Istituto Superiore di Sanita’ effettuato sulla base nel periodo compreso tra il 1969 e il 2002, per annegamento sono morte 25.850 persone (25 in Abruzzo nel 2002). La statistica del 2007 vede 60 decessi per annegamento, e nel 2008 si registrano 90 decessi, un aumento decisamente allarmante; con il passare degli anni si è registrato un aumento significativo delle presenze sui litorali marittimi e non (vedere la cospicua affluenza in montagna ove siano presenti laghi e fiumi e l’aumento di sport attigui con l’acqua). Viste le esperienze, protocolli e persone specializzate che operano nel mondo in ambiente acquatico, da alcuni anni anche in Italia è sorta una nuova coscienza professionale per fronteggiare questo tipo di emergenze. Si e’ sempre creduto che l’annegamento era causato da malori aspecifici o da inesperienza nelle tecniche natatorie, niente di più errato , anche se rientrano nelle cause dell’annegamento, non si devono escludere comportamenti a rischio, patologie di varia natura, eventi naturali e non, in particolare gli incidenti a subacquei che necessitano di camera iperbarica, e la traumatologia. Quest’ultima, merita, specie in questi ultimi anni un notevole approfondimento, basti pensare quanti infortuni sul lavoro sulle petroliere, navi mercantili, pescherecci, traumi da precipitazione da scogliere e navi, ustionati, traumi a carico dei sub (ferite penetranti, investimento con motoscafi).

Crediti:

18,8

Discipline:

tutte

Data:

21 e 23 maggio 2019

Numero accreditamento:

3174-261655

Luogo:

Via Incoronata, 157 e Via dei Conti Ricci, 13

c/o Gulliver Center e Piscina Comunale

Allegato:

locandina_CH_210519.pdf

Partecipanti ammessi:

25

Posti disponibili:

21

Costo iscrizione:
  • Iscritti al Sindacato Nursind : gratuito
  • Non Iscritti al Sindacato Nursind: € 51,00

Iscriviti al corso